Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
22 Ott

Il campo Oggetto nelle e-mail: i 9 errori più comuni da evitare assolutamente

Creato: 22 Ottobre 2015

errori oggetto emailLe e-mail, se ne inviano così tante ogni giorno che si pressa il tasto “Invia” subito dopo la scrittura del messaggio e la compilazione dei campi. Ma per la fretta, o per abitudini mai corrette, si commettono degli sbagli che spesso possono infastidire il destinatario: per questo motivo, Business Insider ha creato una lista di 9 errori comuni da evitare nel campo Oggetto delle e-mail.

1.      Lasciarlo vuoto. Sembra una cosa scontata, eppure in tanti commettono ancora l’errore di non inserire nulla nel campo Oggetto, con al conseguenza che il destinatario risulta “obbligato” ad aprire l’e-mail per conoscerne il contenuto. Che se si rivela inutile o comunque non urgente crea ancora più fastidio.

2.      Troppo lungo. Il consiglio è di utilizzare massimo 6-8 parole che spieghino essenzialmente il contenuto dell’e-mail. Un oggetto troppo lungo rischia infatti di far perdere l’attenzione del destinatario.

3.      Troppo vago. Bisogna andare dritti al punto comunicando l’argomento delle e-mail, evitando di scrivere cose come “Hai un minuto?”. Parole chiave, semplici e dirette e che permettano un facile ritrovamento del messaggio in fase di ricerca.

4.      Niente riempitivi. Evitate i “Ciao” e i riempitivi come “Grazie” o “Piacere di conoscerti”, che servono solo ad allungare inutilmente il testo contenuto nell’Oggetto.

5.      No ai caratteri maiuscoli. È cosa risaputa che per la netiquette scrivere tutto in maiuscolo equivale a urlare. Da evitare assolutamente, così come i punti esclamativi a meno che non si stia inviando un messaggio a un amico.

6.      L’attacco dell’e-mail nell’oggetto. Iniziare il messaggio nel campo Oggetto e continuarlo nel corpo dell’e-mail è uno degli errori da evitare assolutamente, non solo perché può indisporre il destinatario che è così costretto ad aprirlo, ma anche perché l’utilità del campo non è certamente quella e risulta un errore in piena regola.

7.      Il copia/incolla. Quando si invia la stessa e-mail a più persone in messaggi separati può capitare di copiare e incollare scordandosi di cambiare il nome o il titolo del destinatario adattandolo a quello “nuovo”. Una rilettura è sempre consigliata.

8.      Indicare l’urgenza. Se ci si aspetta urgentemente una risposta (o anche la lettura stessa) al messaggio, bisogna specificarlo nell’Oggetto, includendo anche una deadline se appropriato.

9.      Non esplicitare chi vi ha indirizzato. Se dovete inviare un’e-mail al collega del vostro amico con cui non avete mai avuto rapporti, è opportuno specificare già nell’oggetto chi siete, così da catturare l’attenzione.

 

Inviare delle e-mail scritte e compilate, evitando questi errori nell’Oggetto, è un’ottima cosa. Ma farlo con un client di posta elettronica professionale è ancora meglio: richiedi una demo gratuita di Zimbra per testarne tutte le sue funzionalità.