Stampa
17 Mar

I filtri dell’email: la corretta sintassi per effettuare un’azione

Creato: 17 Marzo 2015

filtri-emailNel precedente contenuti ci siamo soffermati sulle corrette metodologie per organizzare i messaggi di posta elettronica. Mediante l’utilizzo dei filtri dell’email è possibile effettuare una seconda segmentazione dei messaggi in arrivo nel client, così da mantenere ordinato lo storico di un cliente o di un progetto. I filtri dell’email possono essere applicati in modo molto semplice sia ai messaggi di entrata che di uscita. Il client di posta elettronica esegue le azioni richieste, solo se queste vengono espresse secondo una sintassi corretta.

Ogni filtro si basa infatti su una o più condizioni che riguardano il mittente, l’oggetto e il destinatario, o su azioni.

Possono essere create numerose sintassi di interrogazione del client email relative ai messaggi di posta elettronica, come ad esempio: smistare i messaggi ricevuti in singole sottocartelle suddivise per argomenti, ignorare messaggi di posta provenienti da determinati account ed anche applicare tag.

Tutti i filtri dell’email sono generati da una o più condizioni e da uno o più azioni. Solo se il messaggio di posta elettronica in ingresso o in uscita risponde alle regole descritte allora sarà effettuata l’azione.

Zimbra consente di installare al suo interno numerosi filtri per l’email come ad esempio il backup copy o anche stabilire l’orario in cui è possibile ricevere o inviare messaggi.

Fonte immagine: pixabay.com