Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+39 0521 618591
22 Apr

Come riconoscere e come evitare le recenti truffe bancarie online

Creato: 22 Aprile 2020

truffe bancarie onlineAccanto alle email finte legate al Covid-19, recentemente si stanno diffondendo le truffe bancarie online, che hanno come obiettivo quello di rubare i dati privati e sensibili delle vittime. Tra le banche più colpite da questa recente forma di phishing ci sono Unicredit, Bnl e Intesa San Paolo. Come sempre, gli hacker contattano i clienti delle banche con delle email finte che infettano le loro caselle di posta elettronica, riuscendo così ad entrare in possesso dei dati degli utenti. Ma scopriamone di più.

Come avvengono le truffe bancarie online

Cadere nella rete tesa dai cyber criminali può essere molto semplice. Non sempre, infatti, è facile distinguere le email truffa da quelle originali della banca. L’obiettivo degli hacker è quello di convincere l’utente a inserire i propri dati sensibili, così da frodarlo. In questa tipologia di attacco informatico, i criminali inviano dei messaggi di posta elettronica da un indirizzo email quasi completamente identico a quello della propria banca. All’interno dell’email è presente un link che rimanda a pagine esterne della banca, dove si richiede l’accesso attraverso l’inserimento dei propri dati sensibili. Una volta che l’utente clicca su questo link, la sua casella di posta elettronica si infetta e l’hacker otterrà l’accesso ai suoi dati privati.

Come evitare di cadere nella trappola

Le banche precisano che le email originali non veicolano link di questo tipo, dunque nel caso in cui vi arrivi un messaggio contenente link del genere, dovete assolutamente evitare di aprirlo. In ogni caso, prima di rilasciare i propri dati personali, è sempre bene prendere determinati accorgimenti e assicurarsi l’affidabilità del mittente. Un altro aspetto da valutare è l’indirizzo del mittente: se troppo lungo o se contenente caratteri insoliti, probabilmente si tratta di una tuffa. O ancora, accertatevi che gli indirizzi delle pagine web presenti nei messaggi inizino sempre con https:// o con http:// e che sia presente l’icona del lucchetto che ne assicura la certificazione.

Strumenti anti-phishing e anti-virus

Oltre ad informarsi sulle tecniche di phishing più diffuse in un determinato momento, a controllare l’attendibilità dei siti su cui puntano i link presenti nei messaggi, ad evitare di diffondere informazioni personali online e a verificare l’autenticità dell’indirizzo del mittente, per evitare di essere frodati dovete anche installare determinati strumenti anti-phishing e anti-virus. I client di posta elettronica, infatti possono essere resi più sicuri attraverso l’installazione di questi strumenti che eseguono dei controlli rapidi sui siti che si stanno visitando e sui messaggi email che contengono potenziali minacce e virus.

Una delle migliori soluzioni di email securityantispam e antivirus, è Libra Esva. Per ulteriori informazioni e chiarimenti, contattate i nostri esperti.