Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+39 0521 618591

zimbra    logo zimbra suite plus

03 Ago

PEC: una miniguida in 5 punti per capire come si utilizza

Creato: 03 Agosto 2017

come si utilizza la pecPer quanti avessero una sorta di idiosincrasia per il cartaceo è venuta in soccorso la PEC, ossia la posta elettronica certificata. Si tratta di uno strumento utilissimo che funziona come una raccomandata A/R, con il vantaggio di essere virtuale, comoda e veloce. È uno strumento che consente di inviare e ricevere e-mail aventi valore legale.

Scopriamo come si utilizza in 5 punti.

  1. Caratteristiche principali. Funziona solo se dall’altra parte rintraccia la presenza di un suo simile. Questa iperbole serve per spiegare che la trasmissione di una PEC, per essere considerata certificata, deve poter interagire con una casella di posta della stessa tipologia PEC, tale che permetta anche di fornire la ricevuta di avvenuta consegna. Tutte le registrazioni e tutti gli elementi della PEC conterranno l’indicazione dell’ora esatta.
  2. Registrazione e accesso. Non dovete fare altro che scegliere l’azienda che offre il servizio PEC registrandovi sul sito e inviando una documentazione ad hoc che certifichi la vostra identità. Una volta effettuato il saldo potrete cominciare ad usare la vostra PEC direttamente dal browser oppure nei client di posta elettronica, dal momento che non è necessario installare alcun software. Dopo l’attivazione potete quindi effettuare l’accesso
  3. Trasmissione messaggi. Da una casella PEC ad una di posta ordinaria è possibile l’invio ma il mittente non riceverà la ricevuta di avvenuta consegna. Il destinatario può rispondere solo se la casella del mittente è configurata per questo. Il processo inverso, invece, è possibile che produca un messaggio di errore per mancata consegna.
  4. Come si utilizza. Che sia da client o da browser l’utilizzo della PEC è sempre lo stesso. Il mittente invia la e-mail che viene presa in carico dal gestore verificandone la conformità. Il messaggio viene quindi “imbustato” e inviato al gestore del destinatario. Il mittente riceve un avviso di accettazione. Dopo si procede ad una verifica del contenuto in termini di autenticità della firma del gestore mittente e, in caso di regolarità formale del tutto, il gestore destinatario riceve un avviso di avvenuta consegna che provvede ad inviare all’utente.
  5. Consegna e apertura. Ricordate solo che la consegna non è sinonimo di apertura, quindi il destinatario ha sicuramente ricevuto la mail ma non è detto che l’abbia letta.

 

Fonte immagine: Pexels.com